giovedì, maggio 05, 2005

Il momento di fare chiarezza

Ieri, a distanza di un mese, si sono riaperti i processi della morte di Calipari per mano di soldati americani.
Brutta storia quella che accadde un mesetto fa, la morte dell'agente italiano in piena azione di recupero della giornalista Giuliana Sgrena: ieri entrambe le "parti" chiamate in causa, ovvero U.S.A. e Italia, hanno redatto relazioni secondo loro versioni, ovviamente diverse, su ciò che accadde quella notte. Il rapporto degli inquirenti italiani fa leva su una lunga serie di punti, tra i quali insufficiente preparazione militare e stress dovuto dalla permanenza in Iraq, per portare avanti in maniera pesante l'accusa che mira il dito sui soldati americani, e ancor più pesante, come un macigno, l'accusa di copertura di prove da parte dei marines, perchè attesta la loro reale coscienza dell'errore commesso e una disonestà nell'omettere le prove della loro madornale svista; azioni come lo spostare la Toyota Corolla, la vettura che trasportava gli italiani, e la rimozione dei bossoli di armi per terra, suonano come la proverbiale "zappa sui piedi" per l'esercito americano.
Se gli italiani calcano la mano, gli americani, come previsto, stemperano cercando bagliori nel buio per provare l'innocenza dei propri militari, tentando anche di scavare per accollare negligenze professionali ai funzionari italiani, quali omissioni di dichiarazioni di passaggio al blocco stradale e accelerazione ingiustificata dinanzi il blocco tenuto dai marines.
Lo sfondo di questa situazione è una crisi tra governi dei due Paesi? Ambasciate impazzite e muro tra i diplomatici? Nient'affatto.
Prontissime le telefonate dei "potenti" dei due Paesi, sempre ben attenti a costruire davanti ai media un felice quadretto di amicizia tra i governi, quando c'è chi vorrebbe nascondere la verità (naturalmente a noi sconosciuta) per salvare le proprie teste: i due resoconti sono diversi, matematico che uno dei due è sbagliato, o peggio volutamente sbagliato, e questo può essere un gran pericolo da correre per la giustizia riguardo a ciò che accadde quella notte, in cui si è perso un cittadino italiano mentre lavorava per mano di "fuoco amico"; errori cosi non li possiamo ammettere, non poteva, anzi non doveva succedere.
Vero è anche che, tutti coloro che si aspettavano un'Italia arrendevole in questo episodio, pronta a chinarsi davanti gli Stati Uniti, dedita al proprio ruolo di Paese subalterno, sono stati delusi, e io ne sono felicissimo.
Nonostante il sodalizio esistente tra Italia e America, almeno questa volta il nostro Paese non ha abbassato la testa per venir contro gli interessi del colosso d'oltreoceano, ma si è preso la briga di voler far luce su un caso che ha visto la morte di un italiano molto probabilmente per negligenza di soldati americani; chi era già pronto a puntare il dito contro un'Italia che avesse paura di vedersela con il suo presunto "padrone", ha dovuto ricredersi alla vista della nostra nazione pronta a volere la propria giustizia, obbligando il partner politico-economico-militare a fare i conti con le proprie colpe e i propri dubbi.
Il bel rapporto instaurato tra i Paesi non verrà scalfito, anche grazie all'azione di diplomazia di chi realmente vuole questa amicizia, pronto per propri interessi a tutto pur di non far tramontare la relationship internazionale: troppi interessi in campo perchè ciò accada. Io non mi sento di giudicare la bontà o meno di questo rapporto, ma mi sento in pieno di giudicare bene l'atteggiamento dell'accusa italiana in questo caso, pronta (nonostante tutto) a fare chiarezza, anche contro tutti i pronostici.

2 Commenti:

alle 5/5/05 15:05, Blogger Sperdy ha lasciato detto:

Io l'ho sempre pensata così..."chi sbaglia paga". Qua sembra che l'errore sia un alibi per gli americani. Sbaglio o esiste anche l'omicidio colposo come reato (almeno in italia..)?
La cosa comica è per per legge (fregn proprij ssa legge! n.d.r.) i militari U.S.A. possono essere giudicati solo ed unicamente dagli americani. Io non penso come altri..che in guerra ogni azione sia lecita solo perchè si è dalla parte del giusto ( e più passa il tempo e più ho dei dubbi anche su questo). Un assassinio di un uomo ha sempre un colpevole..e non posso pensare che sti yankee di m.... siano immuni a tutto..anche al normale rispetto della vita degli altri.
Le condoglianze di Bush mi sono sembrate più come uno zuccherino per addolcire un paese incazzato come il nostro.
E l'ONU come sempre si mette a cuccia..a volte abbaia ma poi scodinzola affettuosamente. Che schifo!

 
alle 6/5/05 12:06, Blogger Pablo Moroe ha lasciato detto:

Tutto mi sembra tranne che il paese intero - direttamente o non - sia rimasto a guardare. E non credo che nessuna delle fazioni in gioco si aspetti che l'Italia faccia la parte del paese subalterno.
Ho invece avuto il piacere di vedere una (quasi) totale coalizione per la chiarezza da parte dei nostri governanti. Quasi, perché c'è sempre il cretino che ti deve rovinare la festa.
Se questa vicenda, però, si risolvesse come non deve risolversi - ovvero ne esce una giustificazione all'omicidio dei soldati americani - credo che l'America, da allora, sarà più lontana di quanto non lo sia già geograficamente.

 

Posta un commento

<< torna al Café