domenica, aprile 03, 2005

Karol, il giorno dopo

Il mondo è in lutto. Dopo 26 anni di pontificato, Papa Giovanni Paolo II ci lascia, logorato dalla malattia ma esaltato dalle tante opere di bene che lo hanno visto protagonista in tutte le parti del mondo. Un Papa vicino ai giovani, un Papa che ha saputo mettere d'accordo gente di religione e fede diversa, un Papa ricordato anche da coloro una religione non ce l'hanno o non la vogliono avere.
Questa mattina, il risveglio è stato insolito, il clima che si respira qui - come in ogni altro posto del pianeta - è diverso dagli altri giorni. Se n'è andata una persona simbolo di pace, di libertà e di vita dedicata al prossimo. Se n'è andato un simbolo, un punto di riferimento che in 26 anni è riuscito a farsi amare sempre di più, giorno dopo giorno. Sarà un Papa che mancherà alle future generazioni, un Papa credo inimitabile.
E' stato per molti la figura alla quale ispirarsi nei momenti di difficoltà, quei suoi momenti di difficoltà che ha affrontato con la caparbietà di un uomo che ha avuto la forza di mostrarsi ai fedeli questi ultimi giorni.
Giovanni Paolo II, che ha salutato il mondo con un'«Amen», ha voluto ringraziare i giovani - quei giovani per i quali tanto ha dato -, ringraziarli di averlo assistito e di aver pregato per lui nelle ultime ore della sua vita. Quei giovani che sono il futuro, che dovranno portarlo nel cuore per sempre e seguire il suo esempio.
In giro per il mondo e per la rete, sono tante le iniziative di preghiera, di raccoglimento e di riflessione.

  • Trenitalia ha messo a disposizione dei treni speciali per raggiungere la Capitale dai vari punti cardine della penisola;

  • la stessa Capitale si sta muovendo per smaltire il traffico: l'Atac ha messo a disposizione delle linee straordinarie per i pedoni che vogliono raggiungere piazza San Pietro con l'autobus e, sulla propria homepage, spiega come raggiungere il Vaticano;

  • la Rai, Mediaset e molte altre emittenti televisive nazionali hanno deciso di commemorare il pontefice defunto, cambiando i palinsesti: tutte le reti sono collegate con la messa in suffragio di Karol Woijtila, seguiranno speciali sia su Rai sia su Mediaset;

  • i blog italiani e internazionali hanno reagito sensibilmente al decesso di Giovanni Paolo II: da Macchianera, a LUDIK, da Sasaki ad Eriadan;

  • infine, la Santa Sede, ripercorre il cammino dei 26 anni di pontificato di Karol Woijtila, dal 1978 ad oggi.
Io preferisco ricordarlo così.