venerdì, agosto 06, 2004

Ogni giorno più utile

D'altronde si sa, se Microsoft e affiliati non fanno parlare di se, non si tratterebbe più della Microsoft. Abbiamo visto quanto sia potente IE, tanto da far pronunciare dagli stessi impiegati di casa Gates parole di giubilo per Mozilla; abbiamo visto quanto sia sicuro XP, tanto da farci imbestialire due volte in meno di sei mesi con i vari Sasser e Blaster; abbiamo toccato con mano il piacere di veder rimandare sempre di più l'uscita di Longhorn (anche se ora l'uscita della demo per sviluppatori sembra dare buone speranze, nonostante bisogna aspettare fino il 2006).
Essendo buonista, mi fermo qui. Almeno con il passato.
Se c'è una cosa che MS ci ha somministrato in questi anni (con tutti i suoi prodotti) è lo spirito di contraddizione, vedi errori fasulli o simili.
Oggi, a Pescara fa tappa l'i.tim Tour: tanti ospiti, tante iniziative, tante attività correlate, tanti camion che blindano Piazza Salotto come un carcere, volume alto che stanotte farà smadonnare quella donna dal sonno leggero che è mia madre.
Dato che la pigrizia è la prima cosa che la gente nota in me (dopo i capelli) e dato che non ho voglia, quindi, di andare in piazza, ho avuto la malsana idea di cercare informazioni sul mio secondo habitat naturale: la Madre Rete.
Tim.it, per l'appunto.
E voi pensavate che Dio non trovasse la soluzione alla mia pigrizia? Il sito della manifestazione è sicuramente sottoposto ad un via-vai pazzesco, tanto che, mentre scrivo, provo e riprovo a visualizzarlo. Con scarso successo.
Ma cosa centra MS in tutto questo? Semplice.
La Tecnologia MSN Search è lieta di avvisarmi che è...

I primi dubbi avanzano. Stiamo parlando di un sito visitato da migliaia (se non milioni) di utenti al giorno. Fin qui, però, l'errore ci può stare.

Volete visitare un sito web simile a questo?
www.tim.it

Zelig? No, umorismo di pessimo gusto.