lunedì, maggio 31, 2004

L'oblio della censura

In pieno periodo di urla alla libertà di scaricare, vorrei risollevare una questione sollevata già altre volte e puntualmente adombrata: la censura.
Sta andando questi giorni in onda uno spot della Kris Gioielli, che denuncia (con ogni diritto) la censura su certi spot che, innocentemente, scherzano sul sesso.

L'ennesimo caso di tentativo di bloccare la libertà di espressione.

"Chiamatela come volete, ma certo non siamo stati noi a decidere di autoridurci. La nostra scaletta era pronta da martedì, ma solo venerdì il direttore di rete, Luca Tiraboschi, ci ha riferito la decisione dell'azienda. E da allora la trasmissione ha letteralmente perso i pezzi ora dopo ora". (Marco Santin, Gialappa's Band, sulla censura del loro programma)

Ripensando a Genova

Vi ricordate cosa successe nel tardo giugno 2001?
Una data per molti italiani indimenticabile: a Genova si svolgeva il G8; proteste, scontri, cortei, un morto.
Il paragone a prima vista sembra essere esagerato, così come sembra essere opportuno.

La folla era divisa in due tronconi: no global pacifisti e no global anarchici.
Oggi lo scenario si ripete. Motivo della protesta: DL Urbani. Folla divisa: netusers "pacifisti" e netusers "anarchici".

I primi rischiano altamente di essere confusi con i secondi. Proprio come a Genova.
I primi si muovono diversamente ma vengono paragonati ai secondi. Proprio come a Genova.
L'opinione pubblica (ignorante in materia al 80%) condanna gli uni come gli altri. Proprio come a Genova.

Non era poi così azzardato come paragone.

Effetto 30 gradi

La bellezza di una città si misura non solo da ciò che offre, ma anche da chi la abita. La mia ha anche un fattore in più che determina la sua esteticità: il clima.
Tra ieri e oggi, passeggiando e scorrazzando per le vie, mi sono accorto della differenza.

Prendete Pescara d'inverno e col freddo gelido.
Un vero e proprio schifo. Strade bagnate a metà, gente infreddolita e imbottita tanto da sembrare tanti piccoli guardaroba ambulanti, mare arrabbiato e mosso che ogni tanto sfoggia quell'insopportabile fetore. Solo la notte sa dargli quel po' di fascino perso con le temperature polari, riacquistandolo nei locali dove ci si scalda ballando e amando. Ti passa la voglia di viverci, è d'inverno che qui nascono pensieri del tipo "Me ne voglio andare da questa città schifosa".

Poi arriva l'estate, coi suoi 30 gradi e più.
È una resurrezione continua. Ogni anno la mia città risorge a partire dalle prime settimane di Maggio. È un cambiamento rapido e improvviso, atteso per tutto il letargo invernale. Il caldo torrido fa spogliare le belle donne e riempie le strade di esemplari fenomenali. Dà anche un po' alla testa, ma c'è un Adriatico pronto ad accoglierti a braccia aperte. Lo riconosci anche dagli odori: non sono più quei fetidi sapori invernali, sono sapori indescrivibili che però, quando li avverti, ha idea di ciò che ti sta succedendo attorno.
La città risorge, il tempo cambia. Un'altra estate è arrivata, in un luogo dove si vive di estate. La ricetta perfetta per una stagione da favola.

Americanate

Per chi ancora combattesse contro la crisi del chewing-gum o stesse ancora percependo l'utilità degli aggeggi per rinforzare gli addominali, ecco l'ultima trovata dei nostri fratelli d'oltre oceano.
Una trovata tutta internettiana.
Provate a digitare "waffles" (traduci chiacchiere) su Google e premete su "Mi sento fortunato!".
Sarà campagna elettorale o uno scherzo dei conservatori nei confronti del malcapitato John Kerry?

domenica, maggio 30, 2004

Storie di spamming

In Italia abbiamo Alessandro Saitta. Chi frequenta le reti IRC italiane lo conosce bene: utilizza SPAM-BOT (così adora chiamarli) in tutti i canali possibili e immaginabili, toccando tutti i canali di affluenza maggiore.
Il Saitta ha anche una homepage, nella quale tende a precisare ed a spiegare la sua professione di spammer.

Ma la libertà di questi tizi sembra essere in pericolo.

È notizia di qualche giorno fa che uno dei migliori spammer al mondo, tal Howard Carmack (lo spammer di Buffalo), sia agli arresti. Quest'uomo è un vero record-man: 343 caselle di posta aperte in un solo anno su Earthlink, 850 milioni di email per rompere le scatole degli utenti, 14 capi di imputazione sulla testa, 16.5 $ la taglia per la sua cattura.

Ora rischia dai 3 anni e 6 mesi ai 7 anni di carcere.
Per il provider una vittoria, per gli utenti di Earthlink una liberazione, per Alessandro Saitta una brutta notizia.

«Gli spammer dovrebbero pensare che ciò che è successo a Carmack potrebbe succedere a loro» (Karen Casion, consigliere generale Earthlink)

venerdì, maggio 28, 2004

Letto da Mante

L'imparzialità è un concetto astratto, quando si parla di politica.
Eccone una dimostrazione.

Gli imperdibili sondaggi sul sito web di Forza Italia.

(Mantellini.it)

Al posto suo

«Papà, papà! Vuoi sentire cosa ho scaricato oggi?»
«Certo figliuolo.»
«Però dopo ti devo chiedere una cosa.»
«Okay...»
Mio figlio accende fiero il suo computer, quella macchina infernale con la quale sono cresciuto.
Apre il winamp e mi costringe a minuti e minuti di robe tipo i Pokemon e simili.
«Che bella raccolta, figliuolo.»
«Si, e con l'ADSL ho fatto subito.»
«Occhio ragazzo, però. Con le leggi in vigore ultimamente rischi.»
«Infatti, ti volevo chiedere proprio questo. Chi è Urbani?»
«Un uomo che cerca di proteggere una stretta cerchia di persone, criminalizzandone 3-4 milioni.»
«E perchè gli fanno fare le leggi?»
«Perchè c'è chi l'ha votato.»
«E chi è stato?»
«20 milioni di persone, caro. E son sicuro che tra quelli, ci sono almeno 1 milione di persone di quei 3-4 che ti dicevo prima.»
«Ma vuol dire che non posso più scaricare le mie canzoni?»
«Tu continua figliolo. Ci vuol coraggio a metterti dentro per i Pokemon...»

Primi passi

Evoluzioni sulla vicenda Urbani. A quanto pare la Carlucci si è posta in prima fila per il riassetto del decreto.
Abolizione delle sanzioni penali per gli utenti che condividono a scopo personale, eliminazione del bollino virtuale da applicare alle opere, cancellazione delle tasse su supporti magnetici e ottici e su masterizzatori.
Tutto questo, però, dopo la campagna elettorale...
Un piccolo passo verso il ritorno alla civiltà.

giovedì, maggio 27, 2004

Mission: Impossible

 


Ethan Hunt questa volta è rimasto comodo sulla sua poltrona. Come può il ben odiato Bill Gates pensare di trovare affabili collaboratori tra i milioni di utenti che non fanno altro che smadonnare dalle prime ore dell'alba fino a quelle che seguono il tramonto di fronte i vari XP, Office e cosucce varie.
Il messaggio si autodistruggerà quando Bill creerà un sistema stabile.

Better Late Than Never.
(Tnx To L0LL0)

lunedì, maggio 24, 2004

Messaggero di exploit

Poveri coloro (me incluso, mio malgrado) che in questi giorni si sono imbattuti nel sito del quotidiano romano Il Messaggero. Non mi appresto ad inserire un link per il semplice fatto che qualcuno potrebbe essere tentato di visitare la home page del giornale, infettata da un exploit denominato Exploit.Mht.A, che non sembra creare problemi eccessivi, solo tanti e inutili fastidi.

martedì, maggio 18, 2004

Clamoroso Dietrofront

Cortiana ha ritirato le centinaia di emendamenti raccolti in questi giorni.
Non per qualcosa, ma non vorrei che finisse come la Domenica delle Palme e il Venerdì Santo...

Complimentoni...

Il decreto Urbani è legge. Margherita, Ds e Udeur si sono astenuti. Una bella lavata di mani.
E ora?
Scaricare, scaricare, scaricare!

lunedì, maggio 17, 2004

HyperSperdy - #1

Quanto spendereste per la maglietta autografata di Olti?
E per quella di Kakà?

La Telecom dalla nostra

Domani è 18 Maggio 2004. Una data che può segnare l'inizio della più vasta ondata di criminalizzazione informatica (e non) mai tenutasi in Italia. Sto parlando dell'entrata in vigore del decreto Urbani. Ma in data 2 Aprile 2004, durante l'inizio delle battaglie contro questo decreto, sul sito della Telecom compare un articolo nel quale si evidenzia l'inutilità dell'accanimento delle major contro il popolo internettiano.

Che Dio ce la mandi buona.

Contro il decreto

Martedì 18 Maggio 2004, il popolo della Rete si riunirà davanti al Senato, guidati dal senatore Fiorello Cortiana, per protestare contro il passaggio del Decreto Urbani, la più illogica forma di censura e di criminalizzazione mai passata nelle stanze di Palazzo Madama.
L'affluenza sarà notevole, visto il gran numero di interessati.
Ricordiamo che la Urbani non è l'unica legge che ultimamente va penalizzando il popolo italiano in Rete: è notizia di una settimana fa che ogni detentore di un sito web deve inviarne una copia ("per e-mail o dischetto" !!!) alle due Biblioteche centrali.
Pena per il mancato invio: 1500 euro!!
Alle prossime amministrative, pensateci su prima di barrare una casella...

domenica, maggio 16, 2004

Tutto questo può finire...

 

Grazie a lui ho litigato con mia sorella, grazie a lui mi devo sorbire ore e ore di cantilena. Per fortuna, in tempi recenti, sono venuto a conoscenza di questo fantastico sito di raccolta firme... Fermatelo!

venerdì, maggio 14, 2004

Cimeli

Il buon vecchio Lamb sa sempre dove andare a pescare. Questa volta ne ha trovato uno veramente chic: sono le scarpe di Roberto Baggio, quelle indossate nella sua ultima partita in Nazionale, quotate su eBay.
Meritano almeno la considerazione.

Somiglianze

 

Sfogliavo la Settimana Enigmistica (o, come si ostinano a chiamarla, Nnimmistica) e mi sono imbattuto in un gioco che costituiva nel rimettere in ordine i pezzi di volto di 4 cantanti.
Ma, in un primo momento, ero convinto di aver di fronte una foto di un Fiorello uscito male.
Tranquilli, non mi drogo.

We Are The Future

Ve lo ricordate We Are The World? Un evento che segnò la storia della musica e non solo. Artisti di calibro internazionale riuniti su un palco per beneficienza.
Quella manifestazione fu organizzata da Quincy Jones.
Bene, ora Mr. Quincy ha deciso di replicare.
We Are The Future è ormai alle porte: domenica 16 Maggio, al circo Massimo di Roma, si esibiranno artisti come Alicia Keys, Jay-Z, Norah Jones, Zucchero e molti altri, affiancati da star come Muhammad Ali, Pelè, Francesco Totti e via discorrendo.
Un evento destinato a divenire importante come quello precedente, che non godeva però della possibilità di essere seguito in rete su Yahoo, oltre alla classica trasmissione via etere su Mtv.
Per chi non ci sarà col corpo, spero ci sia con la mente.

giovedì, maggio 13, 2004

Geni metropolitani

Come ogni città che si rispetti, anche Pescara ha i suoi geni metropolitani. E, in vista delle elezioni, c'è stato chi (intelligentemente) ha ben pensato di candidare uno di questi: costui è Mario, signore anziano che ti ribella contro tutto il Vocabolario delle Bestemmie se non lo assencondi.
In assenza di buone alternative (delle quali in questi periodi non si può far nome...), Mario sembra essere il personaggio più adatto.
Vota Mario!

Scommesse & Co.

La Gazzetta dello Sport titola a caratteri cubitali: "Ci risiamo". A me sorge una domanda: quando la finiremo di parlare di scandali sportivi e non cominciamo ad esaltare a tempo pieno le imprese dei nostri atleti?
Alla prossima puntata...

BLOGGING UFFICIALE

Da ora in avanti, PM Blogging si trasferisce ufficialmente su Blogger.com. Sarà visitabile direttamente digitando www.pablomoroe.com/blog